Skip to content

Perché cambiamo così spesso i nostri smartphone?

Smartphone

Uno smartphone non è poi così diverso da un’automobile. Quando i genitori ritengono che i loro figli siano abbastanza grandi e responsabili, possono lasciargliene uno. Ci sono diversi modi per pagarlo: acquisto a rate, finanziamento o leasing. E come le automobili, i modelli di telefono sono diventati quasi indistinguibili da un anno all’altro. Scrive il New York Times.

Tuttavia, c’è una differenza sostanziale tra le auto e i telefoni, o almeno nel modo in cui le persone li trattano. I proprietari di automobili portano il loro veicolo in officina per la manutenzione e le riparazioni necessarie. Ma quando qualcosa di così elementare – e poco costoso – come la batteria di un telefono inizia a degradarsi, di solito si sostituisce l’intero dispositivo.

“Tutti sanno che le gomme dell’auto si consumano e che è necessario sostituirle”, ha dichiarato Kyle Wiens, amministratore delegato di iFixit, un sito che pubblica istruzioni per la riparazione di componenti elettronici. “C’è un’illusione psicologica di non dover fare la manutenzione dell’elettronica come si fa con le automobili”.

Di conseguenza, il periodo medio di tempo in cui si possiede un’auto prima di sostituirla, circa otto anni, supera il periodo di tempo che intercorre prima dell’aggiornamento di un telefono, circa tre anni e mezzo. Ma con un po’ di attenzione, la vita di un buon telefono può essere allungata fino a sei anni.

Sostituire spesso i telefoni è costoso per il nostro portafoglio, ma ancor più per l’ambiente. Secondo gli esperti di design industriale, la produzione di un telefono, composto da almeno 70 materiali, è ad alta intensità energetica e spesso avviene in Paesi in cui la produzione di elettricità comporta elevate emissioni di carbonio.

Dovremmo fermarci e chiederci perché cambiamo i nostri telefoni prima di averne bisogno.

È emerso che c’è una grande quantità di ricerche in questo settore. Alcuni elementi, come il costo elevato di alcune riparazioni, sono fuori dal nostro controllo. Ma una ragione importante è puramente comportamentale. Comprendere la psicologia dei motivi che ci spingono a sostituire i telefoni può contribuire a modificare le nostre abitudini per risparmiare e ridurre i consumi, sostengono gli studiosi.

Uno studio del 2021 della Delft University of Technology ha intervistato 617 persone in Europa occidentale che avevano recentemente sostituito i loro smartphone e altri prodotti. È stato chiesto quanto tempo hanno tenuto il loro ultimo telefono prima di sostituirlo e il motivo dell’aggiornamento; alle persone con telefoni rotti o malfunzionanti è stato chiesto se avevano preso in considerazione la riparazione.

La ragione più comunemente addotta per la sostituzione di un telefono è stata una perdita di prestazioni, come un software più lento o una batteria degradata. Solo il 30% di coloro che hanno dichiarato di avere un telefono parzialmente malfunzionante (come una batteria che si esaurisce rapidamente) ha detto di aver preso in considerazione la possibilità di ripararlo.

La seconda ragione più comunemente addotta per la sostituzione di un telefono è stata la semplice sensazione che fosse giunto il momento di acquistarne uno nuovo.

Ruth Mugge, docente di design a Delft e autrice dello studio, ha affermato che la gente ha l’errata percezione che tre anni e mezzo siano il massimo della durata di un telefono, anche tra le persone i cui telefoni funzionano ancora oltre quel periodo.

Questa convinzione, secondo l’autrice, è influenzata da un ambiente che innesca l’impulso all’aggiornamento. Uno di questi è la spinta del marketing da parte dei gestori telefonici, che inviano e-mail che ricordano di cambiare il vecchio telefono per ottenere credito per uno nuovo. Un’altra è la pressione dei coetanei, visto che amici e colleghi sostituiscono i loro telefoni ogni pochi anni.

“Se lo tenete per molto tempo, la gente potrebbe trovarvi un po’ strani”, ha detto il dottor Mugge.

L’altro fattore che spinge all’aggiornamento è più difficile da affrontare: ci sono pochi incentivi per le persone che effettuano riparazioni. Questo perché i telefoni, strettamente sigillati con colla e viti minuscole, sono difficili da riparare per una persona comune e i pezzi di ricambio possono essere costosi.

Uno studio di Consumer Reports ha rilevato che le persone vogliono riparare i loro telefoni quando si rompono, ma incontrano degli ostacoli. Tra le persone che hanno dichiarato che il loro telefono ha iniziato a rompersi negli ultimi cinque anni, il 25% ha cercato di farlo riparare ma ha finito per sostituirlo, mentre solo il 16% lo ha fatto riparare. Il resto ha continuato a usare il telefono senza cercare di ripararlo o lo ha semplicemente sostituito.

Cosa fare? Per cominciare, si può trattare il telefono come se fosse una macchina. Se il telefono funziona ancora bene, potete occuparvi della sua manutenzione di base, come la sostituzione della batteria.

I telefoni non hanno gli utili promemoria che i meccanici forniscono ai proprietari di auto, come l’adesivo che indica la data del prossimo cambio dell’olio, ma potete farlo voi stessi. Impostate un evento sul calendario per portare il telefono in un negozio di riparazioni per una batteria nuova ogni tre anni, quando di solito la batteria perde la sua vitalità, causando lo spegnimento del telefono dopo poche ore (e, forse non a caso, quando le persone credono che i loro telefoni si stiano esaurendo).

È anche possibile creare un promemoria annuale sul calendario per fare un check-up del telefono. Questo potrebbe comportare semplici operazioni come l’eliminazione di applicazioni e foto non più necessarie per liberare spazio di archiviazione digitale.

Un’altra motivazione potrebbe essere quella di fare i conti. Per circa 70 dollari è possibile sostituire la batteria del telefono presso un centro di riparazione, il che rende questa soluzione relativamente conveniente. Supponiamo che tra due anni si restituisca il telefono da 800 dollari per ottenere un credito di 300 dollari per il nuovo modello da 800 dollari. In questo modo si spendono 500 dollari per un telefono ogni due anni; in otto anni, si sono spesi 2.800 dollari in telefoni. Al contrario, se si tiene un telefono da 800 dollari e si sostituiscono due batterie per 70 dollari l’una, si spendono 940 dollari nello stesso periodo. Per molti, soprattutto per le famiglie con più telefoni, si tratta di un risparmio notevole.

Potete anche ricordare a voi stessi di fare autocontrollo quando le pubblicità dei nuovi telefoni passano in TV o appaiono nella vostra casella di posta elettronica, ha detto Lee Vinsel, autore di The Innovation Delusion, un libro su come la nostra ossessione per il nuovo abbia ucciso l’arte della manutenzione. Questo significa anche resistere all’impulso di giudicare gli altri che non hanno i gadget più recenti.

“È necessario un cambiamento culturale”, ha affermato Vinsel. “Dobbiamo smetterla di farci sedurre dall’hype e pensare al quadro generale, compreso l’ambiente”.

Vale la pena notare, tuttavia, che alcuni problemi comuni dei telefoni possono essere poco pratici da risolvere. Un esempio su tutti: quando ho rotto lo schermo del mio iPhone 12, un pezzo di ricambio Apple è costato circa 300 dollari. Se il costo della riparazione si avvicina al prezzo di un dispositivo nuovo, l’acquisto di un ricambio potrebbe non avere senso. (Detto questo, ho pagato per ripararlo perché sono affezionato al telefono).

Ma la situazione delle riparazioni telefoniche sta migliorando. L’anno scorso la Federal Trade Commission ha annunciato che avrebbe dato un giro di vite alle aziende che impediscono di riparare i propri prodotti. E una legge dello Stato di New York, approvata a giugno, che richiederebbe alle aziende tecnologiche di aprire l’accesso agli strumenti di riparazione e diagnostica dell’elettronica, attende la firma del governatore Kathy Hochul.

Grazie a tutto questo movimento normativo, la riparazione sta gradualmente diventando più semplice. Ciò che deve cambiare è la nostra mentalità.

(Articolo pubblicato su Start Magazine)

Torna su